Protezione civile AA, cessato pericolo

"Per la popolazione dell'Alto Adige non ci sono più pericoli, pertanto lo stato di protezione civile da allarme rosso 'Charlie' viene declassato a preallarme 'Bravo'". A dirlo è il direttore dell'agenzia per la protezione civile, Rudolf Pollinger. "I danni maggiori si sono avuti a San Candido con l'esondazione del torrente Drava, ma anche in Val Gardena, in Val d'Ega e in Val Pusteria. Hanno retto bene la piena i fiumi Isarco e Adige. Ora inizia la conta dei danni", ha aggiunto Pollinger. "Le misure più urgenti ora sono il ripristino dell'energia elettrica e la pulizia delle strade con la rimozione di migliaia di alberi caduti. Occorre inoltre liberare i corsi d'acqua per scongiurare eventuali problemi a fronte di nuovi fenomeni di piena", ha aggiunto il direttore della protezione civile.

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Cornedo all'Isarco

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...